• Solo online
  • Montepulciano d'Abruzzo "Divus" DOCCIAVOLICH
Note storiche Territorio

Montepulciano d'Abruzzo "Divus" DOC Ciavolich

  • Regione: Abruzzo
  • Tipologia: Vino Rosso Fermo
  • Gradazione: 13,5/14%
  • Vitigno: Montepulciano d' Abruzzo 100%
  • Luogo di Produzione, Affinamento, Temp. di servizio: Ottenuto dalle viti site nelle colline pescaresi in particolare nell'area di Loreto Aprutino. Maturazione in acciaio inox e per circa un anno in barrique di rovere. Temp. Servizio 16/18 gradi.
  • Unicità: È il vino rosso dell'Abruzzo ed è alla fine un vino di Montagna. Ha una natura "selvatica" che lo rende unico ed è croce e delizia per chi lo coltiva. Acido all'inizio riesce a miscelarsi con un calore unico.
€ 12,90
Tasse incluse

favorite_border

per salvare i tuoi preferiti

favorite_border

per salvare i tuoi preferiti
Antico vaso greco.
Note storiche

L'origine di un grande vino. 

Il Montepulciano d’Abruzzo è un importante ed antichissimo vitigno dell'Italia centrale con il suo cuore e la sua reale origine in Abruzzo. Risale alla Grecia e presente in Italia in epoca preromana e romana. Tuttavia per secoli, soprattutto negli ultimi 800 anni c'è sempre stata una grande confusione tra il Montepulciano d'Abruzzo ed il Sangiovese presente in Toscana, Marche ed Umbria. La confusione è nata per via della similitudine dei due vitigni soprattutto per la consistenza, l'intensità, la complessità e la longevità. Dopo molti studi si accertò che il vino di Montepulciano è ascrivibile al Sangiovese Grosso mentre il Montepulciano d'Abruzzo fu attribuito, già dal 1875, ad una tipologia separata dal Sangiovese, allora descritta come Montepulciano Cordisco. Tale conclusione alla fine dell'800 era stata preceduta da tutta una serie tesi volte a tenere distinti i due vitigni. In fine possiamo dire che, se le origini storiche appaiono oggi ancora non chiarissime, siamo certi che il Montepulciano d' Abruzzo sia un vino distinto da altri, in particolare dal Sangiovese, e risulti un prezioso vitigno autoctono dell'Abruzzo. 

Storie native

Una domenica di coccole per lo spirito.

Una domenica siete invitati a pranzo da un vostro amico marchigiano che annuncia che vi preparerà delle Lasagne Vincigrassi, nobile piatto marchigiano, con ragù di carne non tritata, tartufo nero e marsala. Per non sbagliare portate due bottiglie di Montepulciano d'Abruzzo. Sarà perfetto con la sua acidità per contrastare la base di pomodoro, con la consistenza e complessità per integrarsi con la struttura potente e la persistenza nel piatto. Una domenica non di dieta ma di coccole allo spirito.

Il Territorio

Ampiamente diffuso nel sud Italia.

È il secondo vitigno a bacca nera d' Italia come produzione ed è concentrato nell'Italia centro meridionale. Certamente in tutto l'Abruzzo, nelle Marche (ove assieme al Sangiovese da vita al Rosso Conero, in provincia di Ancona, ed al Rosso Piceno in provincia di Ascoli Piceno). Si trova anche in Molise, Puglia, Lucania, Calabria, Campania, Lazio ed Umbria.

Articoli correlati