• Solo online
Note storiche Territorio

Nebbiolo Langhe "Le Filere" Vallebelbo

  • Regione: Piemonte
  • Tipologia: Vino Rosso Fermo
  • Gradazione: 13/13,5%
  • Vitigno: Nebbiolo 100% (Biotipi Michet e Lampia)
  • Luogo di Produzione, Affinamento, Temp. di servizio: Colline delle Langhe, in particolare nell'area di S. Stefano Belbo. Affinato in acciaio. Temp. Servizio 18/20 gradi.
  • Unicità: Il colore brillante e la gentile trasparenza, celano una potente ed armonica complessità che, come pochi vini al Mondo, si incrementa ed arricchisce di eleganza in sintonia con la sua proverbiale longevità.
€ 11,90
Tasse incluse

favorite_border

per salvare i tuoi preferiti
QUESTO VINO RIENTRA IN UNA CATEGORIA DI SPEDIZIONE PER CUI DA ORDINI SUPERIORI ALLE 18 BOTTIGLIE DI QUESTO VINO O UN MIX DI ALTRI VINI DELLA STESSA CATEGORIA LA SPEDIZIONE E' GRATUITA. VAI ALLA PAGINA "CATEGORIE DI SPEDIZIONE"

favorite_border

per salvare i tuoi preferiti
Lucio Giunio Moderato Columella (scrittore romano di agricoltura)
Note storiche

I grappoli delle "Zone Fredde"

Il Nebbiolo è uno dei più antichi e prestigiosi vini nativi italiani. Nell'immaginario collettivo ha origine piemontesi e raggiunge la massima notorietà nella Langhe. Il nome sembra derivare o dalla gran quantità di Pruina che ricopre gli acini tale da sembrare "una nebbia" oppure dalla stagione delle nebbie che coincide con il periodo di maturazione del Nebbiolo, tipicamente visibili nel fondovalle dalla sommità dai bricchi delle colline delle Langhe. Veniva già menzionato in epoca romana: nel I sec. d.C. il Columella nel “De Rustica” definiva il Nebbiolo come "grappoli di Uva Nera che danno Vino da Zone Fredde". Il “Nibiol” viene citato a partire dal 1200 in alcuni documenti pubblici disponibili tra Rivoli, Torino, Asti e le Langhe. Nel Trattato dell'Agricoltura del 1304 di Pier De' Crescenzi viene per la prima volta descritto il Nebbiolo in modo approfondito. Ci sono costanti citazioni fino al 1600. A partire dall'800 questo vino viene rilanciato e valorizzato sistematicamente.

Storie native

Con il fritto misto alla piemontese

Durante il Carnevale di Ivrea, complice il clima festoso, ordiniamo, in uno storico ristorante dietro Piazza di Città, un ricco Fritto Misto alla Piemontese da condividere con alcuni colleghi. Abbiniamo un Nebbiolo delle Langhe che ci accompagna alla scoperta sensoriale di questo antico ed unico piatto italiano. È puro godimento, un match perfetto generato dall’elegante complessità del piatto e del Nebbiolo e dall’incredibile varietà di aromi da cui siamo pervasi.

Il Territorio

Nel cuore delle Langhe

Il Nebbiolo Le Filiere viene prodotto nel cuore delle Langhe a Vallebelbo su terreni calcareo-marnosi ad elevata pendenza collinare. La valle è compresa nel territorio di Monferrato, Langhe e Roero divenuto nel giugno del 2014 Patrimonio mondiale dell'umanità dell'UNESCO. Il vitigno Nebbiolo oltre che in tutto il Piemonte è presente anche in Valle d'Aosta, in piccola quantità in Sardegna, in Valtellina col nome di "Nebbiolo Chiavennasca" (e con diverso nome in piccola quantità anche sul versante Svizzero, proseguimento della Valtellina) e da ultimo si è scoperto sia presente anche in Messico nella zona alta a Nord di Baia California. 

Articoli correlati

no related posts