• Solo online
Note storiche Territorio

Donna Angelica IGT "Terre Siciliane" Assuli

  • Regione: Sicilia
  • Tipologia: Vino Bianco Fermo
  • Gradazione: 13,5/14%
  • Vitigno: Catarratto, Grillo, Zibizzo
  • Luogo di Produzione, Affinamento, Temp. di servizio: Vigne nel Comune di Mazara del Vallo (TP). Maturazione per 8/19 mesi sui lieviti tramite batonage ed affinamento in bottiglia per almeno 3/4 mesi. Temp. Servizio 12/14 Gradi.
  • Unicità: Grande ed elegante vino bianco composto da 3 vitigni autoctoni siciliani.
€ 19,90
Tasse incluse

favorite_border

per salvare i tuoi preferiti
QUESTO VINO RIENTRA IN UNA CATEGORIA DI SPEDIZIONE PER CUI DA ORDINI SUPERIORI ALLE 12 BOTTIGLIE DI QUESTO VINO O UN MIX DI ALTRI VINI DELLA STESSA CATEGORIA LA SPEDIZIONE E' GRATUITA. VAI ALLA PAGINA "CATEGORIE DI SPEDIZIONE"

favorite_border

per salvare i tuoi preferiti
Copertina del "Hortus Catholicus" pubblicato nel 1696 da Francesco Cupani (botanico italiano)
Note storiche

         Nato
         dall'unione   
         di 3
         rinomati
         vini della
         Sicilia 

È un vino composto da 3 dei più importanti vitigni autoctoni siciliani (Catarratto, Grillo, Zibizzo). Lo Zibibbo deriva probabilmente dall’arabo "zabib". È un vitigno di origine egiziana nella città di Alessandria  giunto poi a Pantelleria e in Sicilia grazie alle popolazioni Fenice o Normanne. Nel 2014 la pratica di coltivazione ad alberello dello Zibibbo di Pantelleria è stata riconosciuta Patrimonio Immateriale dell'Umanità. Nel 2016 al Salone del Gusto di Torino Terra Madre è stato presentato il Presidio Slow Food Zibibbo di Pizzo per salvaguardare e sviluppare il vitigno. Il Catarratto è l'altro grande vitigno autoctono siciliano che compone questo vino e tra quelli più diffusi in Sicilia anche se la sua zona d'elezione sembra, anche storicamente, il trapanese e Marsala. Assieme al Grillo è uno dei vitigni con i quali si produce il Marsala soprattutto nelle qualità Oro ed Ambra. Si ipotizza che venga coltivato sull'isola da circa 3 secoli. Il primo che ne parla a fondo è il Cupani nel 1696 nel suo Hortus Catholicus e che ne distingue una tipologia bianca ed una rossa. Oggi si distinguono due biotipi: il Cataratto Bianco Lucido, di gran lunga il più qualitativo, ed il Catarratto Bianco Comune più prodotto ma meno significativo. 

Storie native

Durante la cena di Natale a base di pesce

Per la cena di Natale, che trascorrerete in compagnia solo di vostra moglie e dei vostri cani, puntate su un menu tutto a base di pesce e tanta tranquillità. Il menu sarà a base di capesante al forno, gamberi rossi di Mazara e Dentice arrosto sempre giunto da Mazara. Decidete di puntare su un solo vino a tutto pasto e optate per Donna Angelica che sarà perfetto per tutta la cena risultando perfettamente armonico con le pietanze e con le origini delle stesse creando un inusuale connubio tra abbinamento e zona di origine del cibo e del vino. Con il dolce, un panettone morbido e prezioso fatto da un vostro antico fornitore artigiano, accompagnato da una crema pasticcera sfumata all'arancio di Sicilia, abbinerete un Passito di Pantelleria a base di Moscato di Alessandria o Zibibbo.

Il Territorio

A Trapani e Pantelleria

Oltre al Grillo lo Zibibbo ha zona di maggiore produzione ad Alberello nell'Isola di Pantelleria. Si trova poi, prodotto a “cordone speronato”, nelle zone di Erice e Mazara del Vallo ed in sparute altre parti della Sicilia oltre che in Calabria nella zona di Pizzo. Il Catarratto è presente in tutta l'isola con una particolare concentrazione nel trapanese. 

Articoli correlati