• Ischia Biancolella DOC Pietratorcia
Note storiche Territorio

Ischia Biancolella DOC Pietratorcia

  • Regione: Campania
  • Tipologia: Vino Bianco Fermo
  • Gradazione: 12%
  • Vitigno: Biancolella 100%
  • Luogo di Produzione, Affinamento, Temp. di servizio: Da vigne del Comune di Forio ad Ischia. Vinificato acciaio inox ed affinato sulle feccie fini sempre in acciaio inox per 3 mesi ed imbottigliato a fine Marzo dell'anno successivo alla vinificazione. Temp. Servizio 10/12 Gradi.
  • Unicità: È il vino autoctono Ischitano più famoso. La Biancolella rientra tra i pochi vitigni al Mondo per i quali, visti i luoghi impervi ove sono presenti le vigne, si può parlare di Viticoltura Eroica.
€ 14,20
Tasse incluse

favorite_border

per salvare i tuoi preferiti
QUESTO VINO RIENTRA IN UNA CATEGORIA DI SPEDIZIONE PER CUI DA ORDINI SUPERIORI ALLE 18 BOTTIGLIE DI QUESTO VINO O UN MIX DI ALTRI VINI DELLA STESSA CATEGORIA LA SPEDIZIONE E' GRATUITA. VAI ALLA PAGINA "CATEGORIE DI SPEDIZIONE"

favorite_border

per salvare i tuoi preferiti
Giuseppe d'Ascia - Scrittore
Note storiche

Il portabandiera dei nativi ischitani.

La connessione tra Biancolella e l'Isola di Ischia è antichissimo e misterioso. Il vitigno è praticamente, a memoria d' uomo, sempre stato presente sull' Isola, ma non si è mai riusciti a definirne una origine certa. Per tali motivi certamente si tratta di un vero vitigno autoctono. Qualcuno, in senso generale, parla di una origine lontana con l'arrivo degli antichi Eubei intorno al 770 a.c., ma appunto è solo una ipotesi generale non confermata. Per altri deriva dalla Corsica dove è conosciuta come Petite Blanche ma è molto più probabile il contrario e cioè che in Corsica, assieme a Sardegna e Liguria, sia giunta nel '900 quanto Ischia iniziò ad esportare vini in queste zone. Fino alla metà dell' 800 nessuno aveva nominato il vitigno con il nome attuale cosa che avviene, per la prima volta, nel 1867 quando lo scrittore Giuseppe D'Ascia lo cita nella sua "Storia dell'Isola di Ischia". Oggi è il portabandiera dei vini autoctoni ischitani.

Storie native

Un'avventura inaspettata.

Ad Ischia per una breve vacanza decidete di passare la giornata a Capri per una escursione. Giunti con la nave veloce a Marina Grande, salite con la funicolare in Piazzetta per un caffè al Bar Tiberio ma, scoraggiati dalla gran folla, con il classico taxi scoperto salite ad Anacapri e vi avventurate per la solitaria e struggente Via della Migliara. Vi rendete conto che il tramonto su Ischia ed il Golfo di Napoli è troppo bello per scappare via con l’ultima nave e quindi decidete di pernottare in uno spettacolare B&B che trovate vicino a Punta Carena. Qui, rincuorati di poter vedere la Vostra Ischia al tramonto, scoprite che l'oste ha uno splendido ed amichevole ristorante che guarda verso il Golfo. Sentite subito il desiderio di lasciarvi accarezzare dal tramonto e consolare da un familiare piatto di Pasta alle Vongole dopo una classica insalata alla caprese. Scegliete una magnifica Biancolella Ischitana che risulta un perfetto abbinamento e, sereni, brindate alla vostra Ischia, ormai avvolta nel blu della sera, da uno dei luoghi più belli ed intimi di Capri. 

Il Territorio

Un Nativo del Tirreno.

E' presente su tutta l'Isola di Ischia ed in misura marginale a Procida e Capri. Ragguardevole, più per qualità che per quantità, la produzione in Costa d' Amalfi, quasi sempre assemblata con vitigni locali, in particolare a Furore. E' presente poi in Liguria, Sardegna e Corsica (anche se autorizzata solo per la Sardegna). In purezza da luogo alla DOC Ischia Biancolella, assemblata con la Forastera da luogo l'Ischia Bianco.

Articoli correlati